Séléné

Sylvère Trichard ha rilevato i quattro ettari di vigneto di sua nonna vicino al comune di Blacé, nel cuore del Beaujolais, nel 2012. Insieme alla sua compagna Mathilde Sothier, la coppia lavora con principi biodinamici in mente, secondo il calendario lunare.

Le viti qui hanno tra i 20 e gli 80 anni e sono piantate su terreni argillosi sabbiosi, con una vena di granito che scorre al di sotto. Fermentando solo con lieviti autoctoni, i rossi subiscono tutti macerazione carbonica. L'affinamento avviene per lo più in tini di cemento.

Sylvère e Mathilde inoltre lavorano nella fattoria di famiglia per incoraggiare la biodiversità, piantando un frutteto nel 2020 e alberi tra i filari di vite. Gli alberi aiuteranno ad aggiungere ombra alle viti poiché le temperature continuano a salire estate dopo estate.

Visualizzazione di 4 risultati

Visualizzazione di 4 risultati